Studio Keirosonde d'urto

La terapia con onde d'urto è una nuova terapia non invasiva ed estremamente efficace su particolari tipi di patologie. L’applicazione di questa terapia comporta tempi relativamente modesti e si esegue in poche sedute, in medicina, ha una notevole importanza in alcune malattie epatiche e renali ma, negli ultimi anni, è stata applicata con ottimi risultati anche nell’ambito della medicina dello sport.
Il loro utilizzo, si è quindi rivelato di grande interesse nella patologia muscolo-scheletrica in tre specifici ambiti di intervento:

1) Nelle patologie tendinee o nelle patologie da sovraccarico, in particolare nelle tendinopatie croniche resistenti ad altre terapie, con una chiara e circoscritta localizzazione anatomo-funzionale:

TENDINOPATIE - ENTESOPATIE
TENDINITE ACUTE O CRONICA con o senza fibrosi/calcificazioni
TENDINITE ACHILLEA
TENDINITE ROTULEA
PUBALGIA
BORSITE TRONCATERICA
TENDINITE ZAMPA D’OCA
TENDINITE DELLA SPALLA (periartrite scapolo-omerale)
EPICONDILITE (gomito del tennista)
EPITROCLEITE (gomito del golfista)
RIZOARTROSI (artrosi base del pollice)
NEUROMA DI MORTON
FASCITE PLANTARE
SPERONE CALCANEARE
ARTROSI DELLE PICCOLE GIUNTURE DELLA MANO/PIEDE

2) nel caso di ESITI FIBROTICI e/o CALCIFICI DELLE LESIONI MUSCOLARI - TENDINE;

3) nel RIPRISTINO DEI PROCESSI DI RIPARAZIONE OSSEA ove si registri UN RITARDO DI CONSOLIDAZIONE DI UNA FRATTURA, UNA EVIDENTE PSEUDOARTROSI O PERIARTRITE SCAPOLO – OMERALE CALCIFICATA E NON.

Buoni risultati sono stati ottenuti anche nella stimolazione della vascolarizzazione in particolari patologie dell’osso quali la necrosi della testa del femore e della testa dell’omero o nelle SINDROMI ALGODISTROFICHE.

Le risposte positive ottenute nel trattamento dei tessuti tendinei hanno indotto l’uso delle onde d’urto anche nel trattamento delle fibrotizzazioni delle fasce e dei tendini come nel caso delle rigidità postraumatiche o nel morbo di Dupuytren.

Inoltre si effettua il trattamento terapeutico dell'induratio penis plastica (IPP).